Tag

, , , ,

Bufala-Whatsapp

Non chiedetemi di partecipare alle cosiddette catene di Sant’Antonio. Vi ringrazio per avermi pensato, ma non rispondo MAI a questo genere di inviti, indipendentemente dal tipo di catena

Perché ? Il motivo principale è che le catene fanno sempre leva sulla superstizione e sui sensi di colpa e sono formulate per provocare una reazione emotiva nella “vittima”, che è cosí invogliata a non interrompere la catena e ridistribuirla a sua volta.

Tra le formule più diffuse: “Salva questo bambino” o “Partecipa alla ricerca sulla lordosi lombare” (leva emotiva: compassione), “Dimostra che vuoi bene ai tuoi amici mandando loro 257000 cuoricini” (senso di colpa), “Protesta contro l’estinzione degli etruschi e l’invasione dei giapponesi in via Montenapoleone” (rabbia) o: “Guarda che bello questo giochino” (divertimento). Quando non si ricorre a delle vere e proprie minacce.

Se volete saperne di più, ecco le catene che girano più frequentemente su WhatsApp, su Facebook oppure via SMS o e-mail :

1) catena portafortuna.

Esempio: “Gira questo messaggio a 10 amici ed avrai fortuna domani”. Fa leva sulla superstizione

2) catena richiesta denaro

esempio: “manda soldi per salvare bambini malati, gatti maltrattati,..”

Fa leva sull’emotività, la bontà e i sensi di colpa delle persone (è terribile!) sono spesso truffe

3) catena di guadagno
esempio: “guadagna facilmente 100 euro al giorno, puoi arricchirti in 1 settimana”

fa leva sulla credulità o la disperazione di chi ha problemi di lavoro…truffa

4) catena del malocchio

esempio: “avrai gravi problemi di salute se non inoltri quest msg a 10 altre persone”

fa leva sulla paura, la superstizione o tramanda vecchie leggende urbane

5) catena informazioni false (chiamate anche hoax)

esempio: “Whatsapp domani sarà a pagamento”

fa leva sulla leggerezza (la pigrizia?) e il panico della gente, che non verifica la veridicità delle informazioni ed inoltra dati senza accertarsi delle fonti.

6) catene di giochetti, frasi simpatiche, indovinelli

esempio: “Pensa ad un numero tra 1 e 6, Moltiplica per 3, ecc..inoltra la risposta…”

ok queste sono innocue e simpatiche, fanno leva… sul fatto che non vuoi fare i compiti :)

?? CHI FA LE CATENE ?

Ecco chi fa le catene, per ordine di pericolosità:

1) burloni

2) inconscienti

3) gente senza scrupoli

4) truffatori”

(FONTE: Il web)

whatsapp3-300x233

Se tuttavia, nonostante gli avvertimenti, non potete proprio trattenervi perché il buonismo o la superstizione vi hanno preso la mano e dunque avete deciso di continuare a mandarmi lo stesso le vostre amate catene, fate pure, ma sappiate che CHIUNQUE VOI SIATE le ignorerò o le cestinerò immediatamente.

Se sono nei vostri pensieri scrivetemi, meglio ancora telefonatemi. Se avete voglia di venirmi a trovare la mia porta é sempre aperta.

E per quelli che sono superstiziosi, ricordate: rispondere alle catene porta male! ;-)

Annunci